Cucina Cinese
La Storia

Cucina orientale 11 lug 2019

La cucina cinese, come la conosciamo oggi, vanta una storia antica e nasce dalla somma di differenti tradizioni, provenienti dai quattro angoli di questo grandissimo Paese.

Le origini:
La Cina è uno di quei punti del globo dove è nata l'agricoltura. La coltivazione del pànico si sviluppò infatti già intorno al 5400 a.C. e nel neolitico era questo, insieme a miglio e legumi, l'alimento base di ogni pasto. Più tardi – nel 4800 circa – si diffuse anche la coltivazione del riso, inizialmente solo nelle zone meridionali, a cui seguirono anche orzo e grano, introdotte dai territori del nord-ovest.

L'allevamento del bestiame nei territori della futura Cina, fu sempre molto ridotto a causa della conformazione tipica del territorio, nel quale vi era una bassa estensione di terre arabili rispetto alle esigenze della numerosa popolazione. Conseguentemente, le risorse da destinare agli animali furono sempre scarse, portando ad una dieta povera di carni e prodotti animali.

Fin dall'inizio vennero perciò distinti alimenti base fàn, ovvero i cereali, pietanza centrale dei pasti cinesi, da quelli complementari, detti cài, ossia legumi, verdure e carni, che accompagnavano i cerali. Questa distinzione è tutt'oggi alla base della cucina tradizionale cinese.

L'avvento delle bacchette
Prima dell'invenzione delle bacchette, i cinesi consumavano i propri pasti con le mani. Numerose sono le leggende nate intorno alla loro comparsa, ma quello che sappiamo per certo è che vennero introdotte durante la dinastia Shang – 1600/1046 a.C circa – e che il loro impiego ha influenzato ed è strettamente connesso con la modalità di preparazione e consumo dei piatti cinesi. Questi strumenti sono infatti perfetti per raffreddare il cibo, come le verdure o gli spaghetti presenti nelle zuppe bollenti. Inoltre, ogni alimento viene porzionato in cucina poiché sulla tavola non sono ammessi coltelli, rendendole la miglior soluzione per il consumo delle pietanze tradizionali.

La cultura culinaria cinese oggi:
La cucina cinese è oggi considerata tra le migliori al mondo.
Durante lo scorrere delle epoche si sono sviluppati strumenti e tecniche culinarie sempre più raffinate - come il wok e la cottura a vapore – e la crescita di questo tipo di cucina si è affiancata sempre più a quella del pensiero, trasformandola in una vera e propria filosofia. I concetti prima religiosi dello Yin e Yang, sono oggi parte fondamentale della tradizione culinaria tanto quanto l'uso delle spezie e il tramandarsi delle ricette. I piatti seguono un preciso ordine cronologico che serva i principi di equilibrio dei cinque gusti di base: dolce, salato, acido, amaro e piccante.

Inoltre, si sono sviluppate ben 8 cucine regionali e diverse scuole di cucina che possiamo riassumere in 4 categorie: la scuola Cantonese, nota per le cotture veloci in wok, la scuola Pechinese, il cui piatto simbolo è l'anatra laccata, la scuola di Shangai, molto apprezzata dai vegetariani, e le scuole di Szechuan, Yunnan e Hunan, tipicamente pepate.