Cibo in Oriente e in Occidente
Mentalità a confronto e differenze

News & Curiosità 07 set 2019

Negli ultimi tempi, per effetto della globalizzazione, il mondo occidentale e quello orientale si sono influenzati a vicenda, portando ad un assottigliamento delle differenze che intercorrono tra le due mentalità. Per rendersene conto basta osservare la grande presenza di ristoranti cinesi o il diffondersi di piatti come il sushi nel nostro Paese, o come vi siano ormai molti orientali che si vestono seguendo la moda americana o europea. Ma alcune caratteristiche peculiari, restano ben radicate in ciascuna popolazione.
Ecco quali sono le principali differenze e come queste influenzano la mentalità orientale e occidentale.

Riferimenti e valori
Le figure di riferimento nello sviluppo del pensiero e dei valori sociali, sono molto indicative per comprendere le differenze tra questi due mondi. Se in Oriente i padri del pensiero moderno sono Buddha e Confucio, in Occidente abbiamo personaggi quali Aristotele e Adam Smith. Ne deriva che i valori di queste due società siano legati, rispettivamente, ai concetti di armonia ed equilibrio da un lato, e a quelli di successo e possesso dall'altro.

La visione della realtà
I valori verso cui si tende, influenzano moltissimo tutto il modo di relazionarsi con la realtà circostante e dunque di “vedere” il mondo. Gli orientali hanno generalmente una visione d'insieme delle cose, con un'attenzione focalizzata allo sfondo più che al particolare. Il senso d'interdipendenza con gli altri e con l'universo intero è molto forte, mentre è debole il senso di sé e il desiderio di distinguersi dal gruppo. Per gli occidentali, al contrario, assume maggiore importanza il dettaglio rispetto alla totalità e il senso d'interdipendenza è debole, mentre si esaltano le qualità di quegli individui che fanno di tutto per uscire dalla mediocrità. E' per questo che si è sviluppata in Oriente una cultura della cooperazione, in netto contrasto con quella individualistica occidentale.

Le emozioni
Le emozioni si esprimono e si “leggono” in maniera completamente differente: se per noi un bel sorriso è molto piacevole e l'espressione delle proprie emozioni viene incoraggiata, in culture come quella giapponese umiltà e contenimento emotivo sono d'obbligo. Essi non esprimono mai i propri sentimenti in maniera diretta e per comprendere cosa prova chi gli sta di fronte cercano segnali negli occhi, che sono più difficili da controllare, mentre in Occidente la nostra attenzione si focalizza sulla bocca.

Il cibo nella mentalità occidentale

Il linguaggio
Nell'esprimere un concetto, in Oriente, si dà moltissima importanza anche al modo con cui lo si comunica, ed è per questo motivo che la forma letteraria prediletta è quella poetica. Gli occidentali invece, tendono oggi a dare maggiore importanza al contenuto e ad utilizzare prevalentemente la prosa.

Per saperne di più, vi consigliamo di dare un occhiata al bellissimo lavoro dell'artista Yang Liu, i cui pittogrammi rossi e blu esprimono, tanto schematicamente quanto chiaramente, tutte le differenze nei modi di vivere ai lati opposti del globo.